Ora sono aperti anche in Svizzera... (Keystone)

Negozi chiusi, la misura più incisiva

Poco utile invece coprifuoco notturno. Lo dice uno studio europeo, condotto su sette paesi, fra cui la Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Chiusure di negozi e ristoranti, obbligo di indosssare la mascherina, limitazioni degli incontri privati, sospensione delle lezioni. Sono tutte misure che abbiamo imparato a conoscere e ad attuare per contenere la pandemia da coronavirus. Ma qual è la loro reale efficacia? Alcune risposte significative provengono da uno studio europeo, condotto su sette paesi, fra cui la Svizzera.

Riaprono i negozi, i ristoranti no

Riaprono i negozi, i ristoranti no

Il Quotidiano di mercoledì 17.02.2021

Svolto da alcuni dei più prestigiosi atenei d'Europa - quali Oxford, l'Imperial College, la London School of Economics e le Università di Bristol, Copenaghen ed Essen - lo studio si basa su dati raccolti durante la "seconda ondata" della pandemia, tra agosto e gennaio.

E se gli esperti ricordano che è il complesso delle azioni a frenare i contagi, al profano rimane una sorta di classifica delle misure "più utili".

La chiusura dei negozi, che riduce di un 35 per cento l'R con t, l'indice di replicazione del virus, è il provvedimento "più incisivo".

Molto efficace anche la limitazione dei contatti sociali all'infuori della famiglia, che comporta una diminuzione del 26 per cento.

Seguono: il coprifuoco notturno, capace di ridurre l'indice di contagio del 13 per cento - provvedimento non adottato in Svizzera-, e l'obbligo d'indossare la mascherina nei luoghi pubblici: meno 12 per cento.

Per lo studio, la chiusura della ristorazione "ha un largo effetto sulla trasmissione del virus" con una riduzione dell'indice del 12%. Lo stesso vale per locali da ballo e altre attività non essenziali, quali parrucchieri e centri estetici.

Scarsa risulta invece l'apporto della chiusura di scuole e università, che "frena" i nuovi contagi soltanto di un 7 per cento; fanalino di coda la sospensione degli eventi culturali in musei e teatri, che conta soltanto per un 3 per cento.

 
joe p.
Condividi