Non è riuscito a mantenere quanto promesso quattro mesi fa
Non è riuscito a mantenere quanto promesso quattro mesi fa (keystone)

"Non revocheremo i passaporti"

François Hollande rinuncia a privare della nazionalità francese chi è accusato di terrorismo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

François Hollande ha annunciato oggi, mercoledì, all’Eliseo, dopo il consiglio dei ministri, la sua rinuncia al progetto di riforma costituzionale da lui promessa dopo gli attentati del 13 novembre a Parigi. I parlamentari non voteranno per inserire nella Costituzione lo stato d’emergenza e la revoca della nazionalità francese a chi è accusato di terrorismo.

 

Uscendo dalla riunione, il capo di Stato ha annunciato di aver deciso di chiudere il dibattito per non essere riuscito a ottenere un consenso alla sua proposta. La regola più controversa era quella di privare del passaporto tricolore i terroristi con la doppia cittadinanza. La revoca non sarebbe infatti stata possibile per quelli in possesso di un solo passaporto, poiché sarebbero rimasti apolidi.

Hollande, che ha toccato un nuovo minimo di popolarità nei sondaggi (18%), ha comunque dichiarato che la minaccia di attentati "non è mai stata così elevata", sottolineando che “la guerra sarà ancora lunga" e che "serve un’azione determinata a livello europeo. Non devierò dagli impegni che ho preso per garantire la sicurezza del paese".

ats/mrj

Dal TG20:

Il passo indietro di Hollande

Il passo indietro di Hollande

TG 20 di mercoledì 30.03.2016

 

La diretta da Parigi

La diretta da Parigi

TG 20 di mercoledì 30.03.2016

Dal TG20:

Condividi