La popolazione delle aree a rischio era stata invitata a lasciare le zone costiere per raggiungere le colline
La popolazione delle aree a rischio era stata invitata a lasciare le zone costiere per raggiungere le colline (keystone)

Nuova Zelanda, allarme tsunami rientrato

Declassata l'allerta lanciata ieri dopo due intensi sismi al largo delle coste del Paese. La popolazione può far ritorno nelle abitazioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È rientrato in Nuova Zelanda l'allarme tsunami lanciato dalle autorità dopo i due intensi sismi registrati giovedì al largo delle coste del Paese: due violente scosse, con magnitudo rispettivamente di 6,9 e 8,1.

 

"L'istituto di ricerca GNS Science ha informato che le onde più grandi sono passate", ha scritto, "e quindi l'allerta tsunami è declassata a pericolo di forte mareggiata per le aree fin qui coinvolte. Tutte le persone che sono state fatte allontanare dalle loro abitazioni possono ora farvi ritorno. Rimane in vigore", conclude, "il suggerimento di non andare su spiagge e zone costiere".

Dopo l'allarme, la popolazione era stata invitata a lasciare le coste per rifugiarsi sulle colline.

Red.MM/ARi

Condividi