L'espansione della società non è esente da ostacoli
L'espansione della società non è esente da ostacoli (keystone)

Nuovi guai per l'app Uber

Il servizio di taxi è accusato di aver ingannato gli utenti di San Francisco e Los Angeles

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Uber - il servizio di noleggio macchina con autista – si trova ancora una volta nell’occhio del ciclone.

Dopo la denuncia in India a seguito del presunto stupro di una donna da parte di un conducente, e il divieto in Spagna per un ricorso dei tassisti, la società dovrà ora affrontare due cause civili nelle città californiane di San Francisco e Los Angeles. L'accusa è quella di aver ingannato gli utenti su diverse questioni, in primis sul fatto di aver controllato che i conducenti fossero incensurati.

Tra le altre accuse, ci sarebbero problemi con i tassametri, la mancanza delle licenze per lavorare negli aeroporti e la tassa ingannevole da un dollaro per la sicurezza della corsa. I procuratori distrettuali delle due città puntano a ottenere il divieto di operare per Uber fin quando non si metterà in regola con le leggi della California. E di divieti Uber ne ha collezionati in varie città, da Francoforte a Las Vegas, in un momento in cui cerca di espandersi rapidamente all'estero.

ATS/CC

Condividi