Dal colpo di stato nel 2021, il numero di sfollati interni in Myanmar ha raggiunto nuovo record
Dal colpo di stato nel 2021, il numero di sfollati interni in Myanmar ha raggiunto nuovo record (Keystone)

ONG: 60 milioni di sfollati interni

Conflitti e fenomeni climatici estremi sono le cause principali del numero elevato di rifugiati che rimangono nel paese di origine.

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il numero di sfollati interni, che rimangono nel paese di origine, è stato pari a 59,1 milioni nel 2021. Lo testimonia uno studio pubblicato dall’Internal Displacement Monitoring Centre (IDMC) e dal Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC).

La situazione “non è mai stata così terribile”, afferma il segretario generale dell’NRC Jan Egeland. Il numero più alto di rifugiati interni si trova nell’Africa sub-sahariana, con i conflitti etnici etiopi e congolesi ma non solo, e in Medio Oriente.

I fenomeni meteorologici sono la causa principale per il quale le persone fuggono dalle proprie case ma il numero di coloro che scappano a causa di conflitti è in notevole aumento. Il 2022 con il conflitto ucraino con i suoi 8 milioni di sfollati interni si annuncia come un anno dalle tinte scure.

Agenzie/JKM
Condividi