Un pezzo di un missile appena oltre le recinzioni della centrale atomica di Zaporizhia domenica (Keystone)

ONU: "Stop a bombe su centrali atomiche"

Dura reazione del segretario generale Guterres alle bombe che minacciano la centrale atomica più grande d'Europa. Feriti dipendenti del sito. I russi bombardano ancora le città ucraine

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha chiesto, in una conferenza stampa a Tokyo domenica sera, di sospendere ogni operazione militare "suicida" alle centrali nucleari e in particolare intorno a quella di Zaporizhia, in Ucraina, in modo che l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) possa accedervi.

"Qualsiasi attacco alle centrali nucleari è una cosa suicida", ha detto. "Spero che questi attacchi finiscano. Allo stesso tempo, spero che l'AIEA possa accedere alla centrale" di Zaporizhia, la più grande d'Europa, teatro da venerdì scorso di bombardamenti i cui russi e ucraini si sono reciprocamente accusati. Guterres ha visitato nei giorni scorsi Hiroshima in occasione del 77° anniversario dell'esplosione della prima bomba nucleare della storia.

 

Il sito della centrale nucleare ucraina di Zaporizhia, la più grande d'Europa, è stato bombardato per la seconda volta in poco più di 24 ore questo fine settimana. Come dopo i precedenti bombardamenti di venerdì su queste installazioni nell'Ucraina meridionale e cadute nelle mani dei soldati russi a inizio marzo, domenica le parti belligeranti si sono accusate a vicenda di quanto è accaduto.

Le autorità russe di occupazione nella città di Energodar, dove si trova la centrale atomica di Zaporizhia, hanno dichiarato che l'esercito di Kiev ha sparato munizioni a grappolo durante la notte da sabato a domenica". "Le schegge e una parte del missile è caduta a 400 metri da un reattore funzionante", aggiungendo che l'attacco aveva "danneggiato" edifici amministrativi e centrato "un'area di stoccaggio per il combustibile nucleare esaurito".

Allo stesso tempo, la compagnia statale ucraina Energoatom ha annunciato che uno dei dipendenti in loco doveva essere ricoverato in ospedale per "ferite causate dall'esplosione" di uno dei razzi lanciati "sabato sera" dai russi. Inoltre, "tre rilevatori di monitoraggio delle radiazioni attorno al sito dell'impianto sono stati danneggiati (...). Di conseguenza, al momento è impossibile rilevare" un possibile aumento della radioattività e quindi "intervenire in tempo", ha aggiunto.

 

"Non c'è una sola nazione al mondo che possa sentirsi al sicuro quando uno Stato terrorista bombarda una centrale nucleare", ha reagito lunedì notte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo video quotidiano.

Sabato l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha ritenuto "sempre più allarmanti" le informazioni provenienti dalla centrale di Zaporizhia, uno dei cui reattori è stato spento dopo l'attacco avvenuto il giorno prima. Durante gli scontri avvenuti prima che l'impianto fosse catturato, all'inzio di marzo, l'esercito russo aveva aperto il fuoco sugli edifici, a rischio di un grave incidente nucleare.

Altri civili uccisi e feriti a est e nel sud ucraino

 

Nel frattempo, sui campi di battaglia, gli attacchi russi hanno ucciso almeno cinque civili nella regione orientale di Donetsk, ha affermato il suo governatore Pavlo Kyrylenko. In questa stessa provincia, nei pressi di Virnopillia, "gli occupanti hanno tentato di compiere assalti ma sono stati respinti" e si "ritirano anche vicino a Sloviansk, Bakhmut, Avdiivka" e altre località, ha annunciato domenica sera il quartier generale dell'esercito ucraino.

I russi hanno anche "bombardato due distretti di Kharkiv", nel nord-est, distruggendo "strutture industriali" e, non lontano da lì, le aree di Izyum, Bogodukhiv e Chugouïv, ha riferito Oleg Sinegubov, governatore della regione di Kharkiv. E due civili sono rimasti feriti negli attacchi a Marganets, nell'Ucraina centrale, ha affermato Valentin Reznichenko, a capo della provincia di Dnipro.

 

"Abbiamo ancora una situazione molto difficile nel Donbass, nella regione di Kharkiv e nel sud, dove gli occupanti stanno cercando di concentrare le loro forze", ha ammesso il presidente Zelensky.

AFP/AP/EnCa
Condividi