L'arrivo di Mike Pompeo a Roma (keystone)

Pompeo e il cruccio cinese

Il segretario di Stato americano in visita a Roma con focus sulle relazioni, maldigerite, tra Italia e Cina

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il segretario di Stato americano è arrivato a Roma, tappa del suo minitour che ha già toccato la Grecia e passerà poi dalla Croazia.

La visita nella capitale di Mike Pompeo ha una particolare valenza, siccome l’Italia è diventato una sorta di terreno di scontro tra Stati Uniti e Cina.

In particolare, la Casa Bianca ha mal digerito il memorandum di intesa siglato da Roma nel 2019 con Pechino sulla nuova via della seta che prevede importanti investimenti in infrastrutture, così come la concessione della rete 5G a Huawei, sospettata dagli Stati Uniti di spionaggio. Ma i malumori non si fermano qui, a preoccupare gli americani sono le mire cinesi sul porto di Taranto, al centro del Mediterraneo e sede di un’importante base navale. Temi questi che sono al centro degli incontri con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli esteri Luigi di Maio.

Con Giuseppe Conte
Con Giuseppe Conte (keystone)

Pompeo vedrà anche il segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin, nessun faccia a faccia è previsto invece con il Papa. "In nessun luogo la libertà religiosa è sotto attacco più che in Cina", ha detto. Proprio al Pontefice ha chiesto una “prova di coraggio” nel combattere le persecuzioni religiose, in particolare, anche in questo caso riferendosi alla Cina con la quale il Vaticano è a un passo dal rinnovare un’intesa sulla nomina dei vescovi.  

ATS/RG-AlesS
Condividi