Il Papa stringe la mano alla ministra degli esteri birmana, San Suu Kyi
Il Papa stringe la mano alla ministra degli esteri birmana, San Suu Kyi (keystone)

"Rispetto per i gruppi etnici"

Il Papa: "Il futuro del Myanmar deve essere la pace". La premio Nobel San Suu Kyi si impegna a promuovere la tolleranza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Il futuro del Myanmar deve essere la pace, una pace fondata sul rispetto della dignità e dei diritti di ogni membro della società, sul rispetto di ogni gruppo etnico e della sua identità, sul rispetto dello stato di diritto e di un ordine democratico che consenta a ciascun individuo e ad ogni gruppo, nessuno escluso, di offrire il suo legittimo contributo al bene comune". Così Papa Francesco nel suo primo discorso ufficiale in Myanmar, nella capitale Nay Pyi Taw, davanti alla leader Aung San Suu Kyi, consigliera di Stato e ministra degli Esteri.

Nel discorso del Pontefice è implicito il riferimento alle sofferenze dei rohingya, implicito perchè da più parti è stato chiesto al Papa di evitare di nominare direttamente la minoranza musulmana che, in Myanmar, non ha ancora riconosciuti i diritti di cittadinanza (circa 600'000 persone sono rifugiate in Bangladesh), con problemi umanitari molto seri, di violenze e malnutrizione.

Da pare sua Aung San Suu Kyi ha pubblicamente ringraziato il Papa, citato tra i "buoni amici che desiderano soltanto vederci avere successo nel nostro sforzo".

ATS/M. Ang.

Il Papa in Myanmar

Il Papa in Myanmar

TG 20 di martedì 28.11.2017

Condividi