(Keystone)

Roberto Maroni è morto a 67 anni

L'ex ministro dell'Interno italiano lottava da tempo contro una grave malattia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Roberto Maroni, già ministro dell'Interno italiano, è morto martedì mattina all'eta di 67 anni. Il politico leghista, tra i fondatori del movimento, lottava da tempo contro una grave malattia, che lo scorso anno lo aveva spinto a ritirare la sua candidatura come sindaco di Varese. I funerali si svolgeranno venerdì mattina a Varese.

 

Nella sua lunga carriera politica è stato più volte ministro e una volta vicepremier, oltre ad aver ricoperto la carica di presidente della Regione Lombardia tra il 2013 e il 2018.

 

Una carriera politica in cui ha militato nelle fila della Lega Nord, di cui era stato confondatore nel 1989 e di cui ha coperto la carica di segretario federale dal 2012 al 2013, dopo le dimissioni di Umberto Bossi e prima di Matteo Salvini.

 

Per Maroni non sono mancati i problemi con la giustizia: fu condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale per aver impedito, nel 1996, l'accesso alla sede del partito a Milano agli agenti inviati per una perquisizione. È stato anche nel mirino di un'inchiesta legata a Expo 2015, che si è tenuta a Milano. Dopo essere stato assolto in cassazione nel 2020, era stato nuovamente rinviato a giudizio lo stesso anno.

Gobbi: “Era una persona molto pragmatica”

 

“Era una persona molto pragmatica, nei suoi diversi ruoli”. Così Norman Gobbi ricorda Roberto Maroni, con il quale ha avuto modo di interagire soprattutto nella sua veste di Governatore della Lombardia. Una persona che cercava la concretezza anche quando non era facile trovarla, aggiunge il Consigliere di Stato, con la quale è iniziato il ravvicinamento tra Ticino e Lombardia che ha poi portato alla collaborazione transfrontaliera con la Regio Insubrica.

Roberto Maroni a Bellinzona

Roberto Maroni a Bellinzona

Il Quotidiano, 12 ottobre 2016

 
sf
Condividi