Continuano in Iran i moti di protesta contro il regime dopo la morte della 22enne Mahsa Amini
Continuano in Iran i moti di protesta contro il regime dopo la morte della 22enne Mahsa Amini (reuters)

Scontri a Teheran: ateneo sospende i corsi

La misura decisa dopo gli scontri di ieri fra studenti e polizia: le lezioni della più importante università scientifica dell'Iran proseguiranno solo virtualmente

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I corsi in presenza sono stati sospesi da oggi, lunedì, nel più importante ateneo scientifico dell'Iran: l'Università tecnologica Sharif, che ha sede nella capitale Teheran.

Il provvedimento fa seguito, come ha reso noto l'agenzia locale Mehr, a violenti scontri divampati ieri in città fra studenti e forze di sicurezza: "A causa degli avvenimenti recenti, e della necessità di proteggere gli studenti, tutte le lezioni da lunedì si svolgeranno virtualmente", riferisce l'agenzia.

Sempre in base a questa fonte, 200 studenti si sono radunati nel pomeriggio di ieri all'università, scandendo slogan contro il regime teocratico in vigore nel Paese come "donna, vita, libertà" o "gli studenti preferiscono la morte all'umiliazione". I giovani protestavano dopo l'arresto degli studenti durante le manifestazioni innescate dall'uccisione di Mahsa Amini, la 22enne morta a metà settembre dopo essere stata arrestata dalla polizia morale poiché non portava il velo in modo appropriato.

In piazza per l'Iran

In piazza per l'Iran

Il Quotidiano di sabato 01.10.2022

L'eco dell'Iran nel mondo

L'eco dell'Iran nel mondo

TG 12:30 di domenica 02.10.2022

 
RSI News/ARi
Condividi