Il leader nord-coreano Kim Jong-Un (al centro), fotografato durante un precedente test missilistico
Il leader nord-coreano Kim Jong-Un (al centro), fotografato durante un precedente test missilistico (keystone)

"Siamo una potenza nucleare"

Il leader nord-coreano Kim Jong-Un: "Con il nuovo missile possiamo colpire gli USA". Ma Trump ribatte: "Ce ne occuperemo"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Corea del Nord e Stati Uniti sono ormai ai ferri corti (dopo il lancio del nuovo missile balistico di Pyongyang, caduto martedì in prossimità delle acque territoriali giapponesi) e le ultime dichiarazioni da parte del leader nord-coreano. Kim Jong-Un, infatti, attraverso la TV di Stato, ha affermato mercoledì che il suo paese è diventato una potenza nucleare a tutti gli effetti dopo aver testato con successo il nuovo tipo di vettore, capace di colpire ovunque il continente americano.

Dopo il test balistico (ma prima dell'annuncio di Kim Jong-Un) il presidente americano Donald Trump aveva dichiarato: "E' una minaccia, ce ne occuperemo".

Secondo Pyongyang, il missile ha raggiunto un'altitudine di 4'475 km prima di cadere a una distanza di 950 km. Uno specialista occidentale, David Wright, esperto nel controllo degli armamenti, ha sottolineato che un tale vettore avrebbe una portata sufficiente per raggiungere Washington D.C. e qualsiasi parte degli Stati Uniti continentali".

Il nuovo lancio missilistico (l'ultimo era stato effettuato il 15 settembre), frantuma le speranze che la Corea del Nord si sia fermata per aprire la porta a una soluzione negoziata alla crisi, posta dai suoi programmi nucleare e balistico.

Il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha sottolineato che le "opzioni diplomatiche" rimangono "sul tavolo, per ora".

AFP/M. Ang.

La Corea del Nord lancia un altro missile

La Corea del Nord lancia un altro missile

TG 12:30 di mercoledì 29.11.2017

Condividi