L'umanità sta trasformando gli oceani in deserti
L'umanità sta trasformando gli oceani in deserti (keystone)

Specie marine verso l'estinzione

Nuovo allarme dalla COP15 a Montreal: "Nell'Oceano profondo, il 90% degli organismi rischiano di scomparire prima di essere scoperti"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un nuovo allarme sulle conseguenze dell'inquinamento e del surriscaldamento della Terra causato dall'umanità è giunto venerdì dalla COP15, la Conferenza delle Nazioni Unite sulla tutela della biodiversità, che sta riunendo i Governi di tutto il mondo a Montreal, in Canada, dal 7 al 19 dicembre.

Circa 2,2 milioni di organismi (il 90% delle specie marine), infatti, rischia di estinguersi e scomparire prima ancora di essere scoperto, con conseguenze imprevedibili per l'approvvigionamento alimentare umano e per la regolazione del clima.

Il documento, firmato da un gruppo internazionale di ricercatori guidato da Stefanie Kaiser, dell'Istituto di ricerca e Museo di storia naturale Senckenberg (Germania), esorta i politici a tutelare anche l'ambiente marino immediatamente.

"Gli ambienti marini più profondi sembrano, a prima vista, molto distanti e insignificanti", dice Kaiser. "Ma l'oceano profondo, quello tra i 200 e gli 11'000 metri di profondità, è l'habitat più grande del mondo - ricorda la ricercatrice - e copre più della metà della superficie terrestre: è essenziale per la regolazione del clima globale, immagazzinando anidride carbonica e calore e mantenendo la biodiversità".

 
La giornata mondiale dell'ambiente

La giornata mondiale dell'ambiente

TG 12:30 di domenica 05.06.2022

ATS/M. Ang.
Condividi