"Non dormire, un impresa ai limiti del possibile" (keystone)

Su Solar Impulse si dorme poco

Oltre alla sfida del volo si aggiunge anche quella del sonno per chi lo pilota

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Viaggiare intorno al mondo senza carburante non è l'unica sfida che devono affrontare i piloti di Solar Impulse. In molti, a margine di questa impresa, si sono chiesti come si gestiscono le ore di sonno viaggiando per diversi giorni di fila ai comandi dell'aereo.

Mauro Manconi, responsabile del centro del sonno ed epilessia dell'Ente cantonale ospedaliero, contattato dalla RSI ha descritto quanto sia difficile gestire le ore di riposo e di sonno in quelle condizioni, con la possibilità di effettuare qualche sonnellino di una ventina di minuti su 130 ore consecutive di volo.

Ne ha parlato come di un'impresa ai limiti delle capacità umane, ai limiti del possibile, dal momento che già dopo 24 ore di privazione del sonno c'è una perdita di capacità cognitive indispensabili a chi è ai comandi. Per questo si rivelano utili tecniche di rilassamento, utili non tanto per resistere ai colpi di sonno quanto per entrare in questo, per imparare ad addormentarsi a comando anche per brevi ma utili momenti di relax.

 

Red.MM/RG/sdr

Condividi