I primi soccorsi ai sopravvissuti dell'attacco al club Bataclan
I primi soccorsi ai sopravvissuti dell'attacco al club Bataclan (©Reuters)

Testimonianze di una strage

Il racconto di due collaboratori della RSI a Parigi, Davide Mattei e Alessandro Grandesso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Si sentivano già le sirene, poi una forte esplosione mi ha fatto sospettare. Ho acceso la televisione, sono arrivate le prime immagini. Mi sono reso conto che stava accadendo qui vicino e sono sceso in strada, arrivando fino a Rue de Charonne dove c'è stata una delle sparatorie": comincia così il racconto di Davide Mattei, collaboratore della RSI che nella capitale francese ci vive. Sul luogo dell'attacco, il giornalista ha fermato un ragazzo insanguinato, che uscendo da un locale ha sentito gli spari, ha tirato a sé una donna che aveva vicino e ha richiuso la porta. Troppo tardi: sono caduti entrambi e lei era già morta. Lui si è salvato.

"Due persone sono arrivate in macchina e hanno sparato con un kalashnikov", ha raccontato il giovane, sotto shock. Pochi istanti, ma sufficienti a uccidere una decina di persone.

Il terreno dello Stade de France invaso al termine di Francia-Germania
Il terreno dello Stade de France invaso al termine di Francia-Germania (keystone)

Ben diversa la situazione allo Stade de France: Alessandro Grandesso, lui pure corrispondente per la RSI, stava seguendo l'amichevole di calcio Francia-Germania e "non ci si è resi conto fino alla fine della partita di quello che stava succedendo" a poche decine di metri di distanza, anche se il cronista aveva annotato due forti esplosioni. "Rumori anomali" alle 21.17 e alle 21.20 che non hanno causato panico né sugli spalti né in campo, così come le prime notizie che a poco a poco hanno cominciato ad arrivare. La tensione si è sentita solo al fischio finale, quando parte del pubblico ha invaso il campo da gioco.

A Parigi ci sono anche altri ticinesi. Tra di loro Geremia Cometti che con testo e foto testimonia (guarda a fianco) quanto ha vissuto nella notte tra venerdì e sabato. Una notte passata in ufficio non potendo tornare a casa nel X arrondissement preso di mira dagli attentatori. Ma c'è pure Igor Ponti che venerdì sera si trovava in una delle aree bersaglio dell'attacco.

Segui la nostra diretta:

RG/pon

Ecco dove sono avvenuti gli attacchi a Parigi
Ecco dove sono avvenuti gli attacchi a Parigi (Google/RSI)

 

Dall'edizione speciale del TG 08.00

Dal TG 12.30:

Condividi