Il direttore ad interim dell'intelligence Joseph Maguire (keystone)

Trump, si moltiplicano le accuse

La 'talpa': "La Casa Bianca cercò di far sparire le registrazioni della telefonata incriminata con il presidente ucraino"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I funzionari della Casa Bianca hanno cercato di "bloccare" e mettere in sicurezza le registrazioni della telefonata in cui il presidente Donald Trump ha esortato il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky ad aprire un’indagine contro il rivale democratico Joe Biden. E' quanto emerge dalla denuncia della talpa che ha svelato conversazione.

Il reclamo dell’anonimo “whistleblower”, un documento di 9 pagine (qui visibile in inglese) che sostiene che Trump abbia abusato del suo potere, è stato indirizzato ai presidenti delle commissioni di intelligence di Camera e Senato da Joseph Maguire, direttore ad interim dell’intelligence.

"Non ho assistito direttamente a molti degli eventi descritti" ha ammesso il funzionario anonimo. "In ogni caso ho ritenuto i racconti dei miei colleghi credibili perché, in diversi casi, altri funzionari hanno riportato ricostruzioni in linea con le loro".

RG. 12.30 del 26.09.2019 - Il servizio di Stefano Grazioli
RG. 12.30 del 26.09.2019 - Il servizio di Stefano Grazioli
 

Il documento, con i suoi dettagli precisi e una narrazione chiara, probabilmente accelererà il processo di impeachment ed eserciterà una maggiore pressione su Trump. La denuncia fornisce anche una lista di possibili testimoni.

Il presidente statunitense da parte sua si è limitato a twittare: “I democratici stanno cercando di distruggere il Partito Repubblicano e tutto ciò che rappresenta”

 

Democratici che, dopo aver lanciato la procedura di impeachment, sperano ora invece che Maguire spieghi perché non ha inoltrato subito il reclamo del whistleblower al Congresso, trattenendolo per settimane. Maguire verrà pure sentito, a porte chiuse, anche dalla commissione dell'intelligence del Senato.

 
AP/ATS/dielle
Condividi