L'autoproclamata presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez (keystone)

USA riconoscono il Governo Anez

Pompeo si congratula con l'autoproclamata presidente boliviana. Morales: "Golpe ispirato dagli Stati Uniti"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli Stati Uniti hanno riconosciuto il Governo di Jeanine Anez che mercoledì si è autoproclamata presidente ad interim della Bolivia, nonostante l'assenza della maggioranza dei voti richiesta dalla Costituzione (la nomina è avvenuta anche se Camera e Senato non hanno raggiunto il quorum per l'assenza dei parlamentari del partito governativo Movimento al socialismo (Mas) del presidente Evo Morales, che controlla i 2/3 delle due Camere). Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, si è congratulato con Jeanine Anez che, mercoledì sera, ha nominato i primi 11 ministri del suo Governo di transizione. "Sarà composto eminentemente di "tecnici", ha sottolineato Anez.

La reazione popolare

Jeanine Anez, però, deve fare i conti con le proteste popolari. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza mercoledì a La Paz per chiedere le dimissioni della presidente ad interim. Formazioni indigene di "ponchos rojos" di El Alto e cittadini comuni si sono radunati nella Plaza Murillo, mentre nel palazzo presidenziale giuravano i nuovi vertici militari.

Bolivia, Añez giura come presidente

Bolivia, Añez giura come presidente

TG 20 di mercoledì 13.11.2019

"Gli Stati Uniti dietro il golpe"

Nel frattempo il presidente della Bolivia, Evo Morales, dall'esilio in Messico, dove è stato costretto a rifugiarsi dopo le minacce di morte da parte dei suoi oppositori, ha dichiarato che le sue dimissioni sono state provocate "da una cospirazione politica ed economica" ispirata dagli Stati Uniti e ha condannato via Twitter il riconoscimento del nuovo Governo di destra. Mercoledì, aveva già definito Jeanine Anez "una senatrice di destra golpista" che "si autoproclama presidente del Senato e presidente ad interim della Repubblica senza quorum legislativo, circondata da un gruppo di complici e protetta da Forze armate e polizia che reprimono il popolo".

Morales vola in Messico

Morales vola in Messico

TG 12:30 di martedì 12.11.2019

Cresce il numero dei morti negli scontri

Intanto le cronache registrano l'ennesima vittima negli scontri tra i sostenitori di Morales e la polizia. Lo riporta la stampa locale, che cita fonti mediche. Una 20enne è stata colpita alla testa da un proiettile a Yapacani, nel dipartimento di Santa Cruz, dove i sostenitori di Morales avevano occupato il municipio. Dall'inizio della crisi seguita alle elezioni che, alla fine di ottobre, avevano visto la vittoria di Morales, sono già state uccise 10 persone, 8 di loro colpite da proiettili.

ATS/M. Ang.
Condividi