Boris Johnson non molla la presa e nonostante le dimissioni in massa continua per la sua strada (Keystone)

Un "ammutinamento" contro Johnson

Cresce massiccio e rapido il dissenso interno contro il premier britannico che, dal canto suo, intende continuare per la sua strada

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Di fronte a un "ammutinamento" all'interno del suo Governo e del Partito conservatore, Boris Johnson si aggrappa al potere. La giornata di mercoledì è stata caratterizzata da una valanga di partenze dall’Esecutivo e da crescenti richieste di dimissioni.

"Johnson lotta per la sua sopravvivenza", titola giovedì il Times, riassumendo i sentimenti della stampa britannica dopo quello che il Daily Telegraph ha descritto come un "ammutinamento" che ha portato alla partenza di diverse dozzine di ministri in due giorni e consiglieri.

Il valzer delle dimissioni è iniziato martedì sera quando il ministro della Salute Sajid Javid e il ministro delle Finanze Rishi Sunak hanno sbattuto la porta, seguiti da altri ministri di gabinetto di grado inferiore. Mercoledì sera il numero delle partenze dall'inizio dell'attività dell'Esecutivo è salito a quaranta, compreso il ministro responsabile per il Galles Simon Hart.

Coinvolto in svariati scandali, accusato di ripetute bugie, Boris Johnson ha respinto per tutto il giorno le richieste di dimissioni, anche da parte dei suoi fedeli seguaci. E ha cacciato in serata il suo ministro Michael Gove, incaricato del riequilibrio territoriale, che in mattinata lo aveva anche invitato a partire.

Combattivo, l'ex sindaco di Londra tira dritto

A ministri e parlamentari Boris Johnson ha risposto che voleva restare per dedicarsi "ai problemi estremamente importanti" che il Regno Unito deve affrontare, secondo la stampa. "Continueremo con la gestione di questo Paese", ha assicurato ai capi delle commissioni parlamentari.

Combattivo, Boris Johnson ha dichiarato di ritenere che non sarebbe "responsabile" a suo avviso lasciare il potere nel contesto attuale, tra crisi del potere d'acquisto e guerra in Ucraina.

AFP/EnCa
Condividi