La stazione di Budapest è sempre sotto assedio
La stazione di Budapest è sempre sotto assedio (keystone)

Ungheria invasa dai rifugiati

Il primo ministro Viktor Orban dichiara che è necessario proteggere le frontiere

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"In Parlamento abbiamo appena approvato un nuovo pacchetto di regole che potrà portare a un cambiamento importante: dal 15 di settembre verranno istituiti controlli doganali", si è espresso così il primo ministro ungherese Viktor Orban nell'incontro di giovedì a Bruxelles con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e con gli ambasciatori dell'UE. Tusk dal canto suo ha richiesto la collaborazione di tutta l'Europa per giungere a un'equa distribuzione di 100'000 rifugiati: "Gli sforzi devono essere duplicati", ha sentenziato.

Il premier ungherese ha insistito sull'importanza di proteggere le frontiere: "Se non riusciamo a difendere i nostri confini Schengen è a rischio".

 

Nel frattempo continuano i disordini alla stazione ferroviaria di Keleti. La polizia ha tolto il doppio cordone all'entrata dell'edificio e i migranti hanno immediatamente invaso la sala grande. La direzione delle ferrovie ha annunciato il blocco di tutti i treni internazionali; nonostante ciò i rifugiati provano a riversarsi sui treni, aggrappandosi alle porte dei vagoni.  

AFP/CaL/bin

Dal TG20:

Ungheria ancora nel caos

Ungheria ancora nel caos

TG 02:36 di venerdì 04.09.2015

Condividi