(ANSA)

"In mare abbiamo visto il dramma"

È la testimonianza di uno dei primi soccorritori che, giovedì, hanno cercato di salvare i naufraghi al largo di Lampedusa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“All’alba ci è sembrato sentire delle grida, delle voci…; una volta in mare, il dramma: braccia alzate, persone che chiedevano aiuto, una cosa… raccapricciante”. È il racconto di uno dei primi soccorritori che, giovedì mattina, hanno prestato aiuto ai sopravvissuti del naufragio al largo dell’isola di Lampedusa.

Un naufragio conclusosi nel dramma con un peschereccio stracarico di persone, si stima 500 tra cui molte donne e bambini, colato a picco a poca distanza dalla terraferma. In 155 son riusciti a salvarsi, mentre per altre centinaia di passeggeri il viaggio si è concluso sul fondale del mare, tra le lamiere dell’imbarcazione.

Questa mattina, intanto, per le avverse condizioni del mare sono state sospese le immersioni dei sommozzatori impegnati nel recupero delle vittime.

ANSA-ATS-EBU/bin



Condividi