L’esperto denuncia la mancanza di misure e le emissioni eccessive di azoto e pesticidi dell'agricoltura intensiva - La COP15 durerà 10 giorni
L’esperto denuncia la mancanza di misure e le emissioni eccessive di azoto e pesticidi dell'agricoltura intensiva - La COP15 durerà 10 giorni (keystone)

“Berna sostiene la distruzione di biodiversità”

A sostenerlo, nel giorno dell’apertura della COP15 sulla biodiversità a Montreal, è l’esperto del WWF Svizzera Thomas Wirth

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un terzo di tutte le specie presenti in Svizzera sono minacciate e la Confederazione e in particolare il Parlamento non fanno abbastanza per proteggerle, anzi sostengono la distruzione della biodiversità. A dirlo, nel giorno dell’apertura dei lavori alla COP15 sulla biodiversità a Montreal, è l’esperto Thomas Wirth, responsabile del Progetto Biodiversità del WWF Svizzera.

 

Wirth, dalle pagine del quotidiano La Liberté, a questo proposito mette sul banco degli imputati 162 diverse sovvenzioni accompagnate da diverse decine di miliardi di franchi che vanno nella direzione sbagliata. "Nella politica nazionale, le idee prevalenti mirano a indebolire ulteriormente la protezione già inadeguata" aggiunge.

L’esperto denuncia la mancanza di misure, come la protezione di aree specifiche, e le emissioni eccessive di azoto e pesticidi dell'agricoltura intensiva. “Sebbene i depositi di azoto negli ecosistemi siano tra i più alti al mondo, il Parlamento impedisce qualsiasi tentativo di intervento in questo ambito” sottolinea Wirth.

Al via la COP15 di Montreal

Riuniti a Montreal per dieci giorni per la COP15, 190 Paesi, tra cui la Svizzera, dovrebbero concordare un nuovo quadro globale per la salvaguardia della natura e delle sue risorse, essenziali per l'umanità. Ma l'esito dei negoziati, che riguardano una ventina di obiettivi volti a salvaguardare gli ecosistemi entro il 2030, rimane incerto.

 
ATS/dielle
Condividi