Le vignette antinquinamento introdotte a Ginevra (RTS)

A Ginevra le vignette sono due

La Stick’Air è realtà - Il contrassegno è obbligatorio per poter circolare in città in caso di elevato inquinamento atmosferico

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La vignetta autostradale non sarà più l'unica a comparire sulle auto, le moto e i camion in circolazione a Ginevra. Da venerdì sono state messe in vendita anche le cosiddette Stick’Air, i contrassegni (acquistabili anche in vari distributori di carburante) dei quali dal 15 gennaio dovranno essere muniti coloro che, residenti nel cantone e non, non intendono rinunciare a recarsi in centro città con il proprio veicolo anche nei giorni di elevato inquinamento ambientale.

Ogni vignetta costa 5 franchi e consente l'accesso all'area centrale della città dalle 6 alle 22, a condizione che il veicolo non sia tra i più inquinanti. Ci sono infatti ancora numerosi veicoli (circa l'11% del totale) che emettono tante polveri fini da non poter comunque circolare in caso di superamento della soglia più bassa di allarme. Gli altri sono invece stati suddivisi in 5 categorie che si vedranno applicare il divieto a dipendenza del livello di inquinamento. Si calcola che circa il 64% dei veicoli avrà sempre accesso alla zona a circolazione differenziata rientrando nelle categorie 0 (veicoli elettrici e a idrogeno), 1, 2 e 3 (quelle con le emissioni minori secondo quanto riportato sulla carta grigia e il tipo di carburante).

Quest'inverno chi non compra la vignetta o ne compra una che non corrisponde alla categoria del proprio veicolo non si rischia nulla. Le multe non saranno applicate fino al 31 marzo 2020. Dal 1° aprile chi sarà trovato in infrazione dovrà pagare 500 franchi.

Le informazioni pratiche si trovano sul sito Stick'AIR del canton Ginevra.

Diem
Condividi