La direttrice del DATEC Simonetta Sommaruga alla conferenza stampa sul voto (keystone)

Aiuti ai media “garanzia di pluralità”

Simonetta Sommaruga ha lanciato la campagna in vista del voto sul referendum al pacchetto di sostegno supplementare da 151 milioni di franchi all’anno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I media svizzeri sono sotto pressione finanziaria e hanno bisogno di più sostegno. La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha difeso giovedì un pacchetto che permetterebbe di aumentare il finanziamento di 151 milioni di franchi all'anno per garantire la pluralità dei media.

"L'obiettivo del progetto è quello di garantire che la popolazione in tutte le regioni del paese benefici di una copertura mediatica diversificata", ha detto la ministra della comunicazione nel presentare il pacchetto dei media adottato dal Parlamento lo scorso giugno. Il pacchetto, contrastato da un referendum, verrà votato dai cittadini il prossimo 13 febbraio 2022.

Sommaruga ha sottolineato come le entrate pubblicitarie dei media svizzeri siano diminuite di circa il 40% negli ultimi venti anni. Un importo è caduto in gran parte nelle tasche dei giganti di internet come Google e Facebook. Inoltre, le vendite degli abbonamenti sono diminuite bruscamente a causa del calo dei lettori di giornali. Questa tendenza non è stata compensata dalle entrate provenienti da abbonamenti digitali più economici, soprattutto perché gli utenti di Internet rimangono riluttanti a pagare per i contenuti. Circa 70 giornali sono spariti negli ultimi anni.

"Senza questo pacchetto c'è il rischio che altri giornali scompaiano, che le radio locali si indeboliscano e che certe regioni non siano più coperte da siti web di notizie: per la popolazione delle regioni interessate sarebbe una grande perdita", ha avvertito la consigliera federale.

La proposta adottata dalle Camere federali è una combinazione di misure di sostegno diretto e indiretto. Il sostegno a lungo termine per la distribuzione dei giornali sarà aumentato di 70 milioni di franchi all'anno fino a 120 milioni di franchi. Anche la distribuzione mattutina e domenicale dei giornali sarà nuovamente sovvenzionata, così come la distribuzione ordinaria e quella della stampa asssociativa riceveranno un ulteriore impulso.

Un'altra parte dell'aiuto indiretto sosterrà l'agenzia Keystone-ATS, le scuole di giornalismo, il Consiglio svizzero della stampa e progetti informatici per i media elettronici. Il denaro proviene dal canone radiotelevisivo e ammonta a un massimo di 28 milioni di franchi (un aumento di 23 milioni di franchi rispetto al sistema attuale).

Supporto diretto ai media online

Il pacchetto comprende anche 30 milioni di franchi all'anno di sostegno diretto ai media online. Le stazioni radiofoniche e televisive locali non sono state dimenticate, poiché il Parlamento ha aumentato la quota del canone radiotelevisivo a cui hanno diritto di 28 milioni di franchiall'anno.

“Il progetto si basa su strumenti sperimentati e testati da tempo, come il sostegno alla distribuzione dei giornali o le sovvenzioni per le radio e le TV private. E questi strumenti non hanno mai dato luogo a sospetti sull'indipendenza dei media” ha detto Sommaruga, riferendosi a una delle principali critiche del comitato referendario.

Per gli oppositori il progetto di legge è invece uno spreco di denaro pubblico e un "regalo avvelenato" per la stampa, che andrebbe a favore anche dei grandi gruppi quotati in borsa. Il comitato “No ai media finanziati dallo Stato”, promotore del referendum, è stato formato dopo la decisione delle Camere e riunisce circa 70 deputati dell’UDC, del PLR e del Centro.

Aiuto transitorio e decrescente

In un comunicato stampa, il DATEC sottolinea che l'aiuto è limitato a sette anni e che l'aiuto alla distribuzione riguarderà principalmente i giornali e che sarà decrescente. Simonetta Sommaruga ha anche sottolineato l'importante ruolo giocato dai media nella formazione delle opinioni, che è centrale in una democrazia diretta come la Svizzera, e il controllo che esercitano sulle azioni delle autorità.

"Il pacchetto dei media assicura che la gente in tutte le regioni continui ad essere informata su ciò che accade nelle loro vicinanze. Nessuna regione dovrebbe essere lasciata fuori. Per molto tempo questo è stato un dato di fatto, ma oggi non è più così".

ATS/dielle
Condividi