Un antenna per la telefonia mobile a Zurigo (keystone)

Antenne svizzere da controllare

L’Ufficio dell’ambiente, ha sentenziato il Tribunale federale, dovrà verificare sul posto la correttezza delle misurazioni delle onde non ionizzanti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Tribunale federale ha intimato all’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) di verificare sul posto la correttezza delle misurazioni delle onde non ionizzanti emesse dalle antenne per la telefonia mobile sparse in tutta la confederazione.  La sentenza risale a inizio settembre.

CSI 18.00 dell'01.11.2019 Le conseguenze in Ticino nel servizio di Pervin Kavakcioglu
CSI 18.00 dell'01.11.2019 Le conseguenze in Ticino nel servizio di Pervin Kavakcioglu
 

La decisione prende le mosse dalla domanda di costruzione da parte di Sunrise inoltrata nell’estate del 2015 a un comune turgoviese, per potenziare un suo impianto. Al momento della pubblicazione sono però scattati innumerevoli opposizioni e ricorsi. I contrari al potenziamento affermavano che sovente gli operatori non rispettano i valori di emissioni di onde non ionizzanti contenuti nelle licenze edilizie ricevute. Un'affermazione che si basa su quanto rilevato nel canton Svitto dove le differenze riguardavano 8 delle 14 antenne controllate. E questo malgrado su ogni ripetitore vi siano dei sistemi di garanzia della qualità che registrano e trasmettono automaticamente e quotidianamente i valori reali delle emissioni.

Per funzionare correttamente, questi apparecchi necessitano tuttavia alcuni dati di base, tra cui l'effettiva altezza di un'antenna. E qui si possono verificare degli errori come successe a Svitto.

A ciò si aggiunge che i sistemi di garanzia della qualità sono stati controllati a livello nazionale l'ultima volta nel 2010/ 2011 e solo elettronicamente e a distanza. Ora però la massima istanza giuridica nazionale afferma - dando così chiare direttive all'UFAM - che è tempo di fare delle ispezioni -anche se solo a campione- in loco.

"Sistemi affidabili e valori rispettati"

Sunrise - da noi contattata-  sottolinea che potrà ampliare l'antenna nel canton Turgovia, dal momento che il Tribunale federale ha respinto il ricorso. Riguardo la verifica sul posto da parte dell'UFAM, l'operatore telefonico accoglie con favore questa richiesta, perché dimostrerà che i sistemi di qualità sono affidabili e che i valori limite sono rispettati in ogni momento.  Questa decisione - aggiunge Sunrise-  non dovrebbe avere alcuna influenza sull'espansione 5G. Una presa di posizione di Swisscom è attesa nel pomeriggio.

Antenne, più controlli

Antenne, più controlli

TG di giovedì 31.10.2019

 
RG-Roberto Scolla/ludoC
Condividi