Un Gepard tedesco: le munizioni sono fatte in Svizzera e Berna aveva negato a Berlino la possibilità di riesportarle
Un Gepard tedesco: le munizioni sono fatte in Svizzera e Berna aveva negato a Berlino la possibilità di riesportarle (keystone)

Armi a Kiev, "neutralità violata"

Il parere di un esperto, dopo che una commissione del Nazionale ha aperto alla possibilità di autorizzare le riesportazioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Già a più riprese la Svizzera nell'ultimo anno ha detto "no" a Paesi come Germania e Danimarca, che volevano riesportare verso l'Ucraina armamenti prodotti nella Confederazione. La Spagna ha recentemente inoltrato una nuova richiesta e nei giorni scorsi la Commissione di politica di sicurezza del Consiglio nazionale ha adottato una mozione e un'iniziativa parlamentare che aprirebbero la strada a questa possibilità. Così facendo, però, Berna direbbe addio alla sua neutralità, afferma l'esperto Oliver Diggelmann in un'intervista apparsa sui giornali del gruppo Tamedia.

"Non forniamo armi alla Russia e quindi dobbiamo trattare l'Ucraina nella medesima maniera", afferma il professore di diritto internazionale pubblico e diritto europeo all'Università di Zurigo. E aggiunge: "Se non vogliamo questi obblighi, bisogna parlare di abbandono della neutralità permanente", optando in alternativa per una libertà di alleanza.

Non si tratterebbe della prima violazione della neutralità, ricorda comunque Diggelmann: ci sono già stati episodi sia a vantaggio della Germania che degli Alleati nella Seconda guerra mondiale e a favore degli americani durante la Guerra fredda.

Se invece ci si vuole attenere al principio della neutralità, solo l'aiuto ai civili è permesso. Secondo l'esperto, inoltre, il conflitto attuale "non è affatto tipico della nostra epoca e non è rappresentativo dei tempi futuri". E le regole di cui sopra valgono unicamente quando a fronteggiarsi sono due Stati.

 
ATS/pon
Condividi