Disagi per il traffico fra Melide e Mendrisio
Disagi per il traffico fra Melide e Mendrisio (keystone)

Arriva ancora pioggia

Nubifragio nel pomeriggio, disagi al traffico. Ancora allerta nella Svizzera orientale e meridionale, in Ticino attesi accumuli fino a 120 mm

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nuovi disagi sul fronte del maltempo. Un allarme specifico di grado 3 è stato emesso per il pomeriggio di oggi, sabato, per Locarnese, Verzasca, Leventina e Alta Vallemaggia e addirittura di grado 4 per Luganese e Mendrisiotto e Meteosvizzera mantiene fino a domenica l'allerta di terzo livello per una larga fascia di territorio che si estende nella parte centrale e orientale della Confederazione, dal canton Berna ai Grigioni. L'acquazzone pomeridiano ha causato disagi in particolare fra Mendrisio e Melide, dove il transito è stato limitato a una sola corsia sulla A2 verso nord per il pericolo di smottamenti. Anche nel senso opposto e sulla strada cantonale, segnala Viasuisse, la pioggia ha rallentato il traffico.

Fino a domenica mattina potrebbe piovere (di nuovo) in quantità elevate: se in Appenzello gli accumuli non dovrebbero superare i 60 millimetri, in Ticino, nel Moesano, in Bregaglia e in Valposchiavo si potrebbe arrivare al doppio prima che ritorni il bel tempo nel pomeriggio.

Toccata questa volta quindi anche la quasi totalità della Svizzera italiana, che dopo i disastri in Ticino negli ultimi giorni, era stata risparmiata dai temporali provenienti dalla Francia che venerdì sera hanno attraversato il Giura e raggiunto il centro del Paese, accompagnati da raffiche che hanno superato i 100 km/h a Delémont, dove sono caduti 20 litri di acqua per metro quadrato in 20 minuti. A Bettingen, nel cantone di Basilea Campagna, le strade si sono trasformate in fiumi. Nell'insieme della Confederazione sono stati contati più di 30'000 fulmini.

Nel canton Uri, una caduta di massi fermati dalle reti di protezione e movimenti di roccia rivelati dai sensori avevano portato alla chiusura della Axenstrasse, riaperta al traffico alle 12.30 di domenica dopo un sopralluogo degli esperti delle Confederazione nella zona conosciuta con il nome di "Gumpisch".

 
pon
Condividi