La modifica entrerà in vigore nel mese di giugno (Keystone)

Berna in aiuto degli apprendisti

Guy Parmelin ha annunciato un nuovo regolamento per garantire i posti di tirocinio a rischio per la crisi economica dovuta al virus

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Confederazione ha emanato un nuovo regolamento per garantire i posti di tirocinio destinati agli apprendisti. Ad annunciarlo è stato il consigliere federale Guy Parmelin, che in un'intervista rilasciata ai quotidiani del gruppo Tamedia ha ricordato come le aziende che beneficiano della disoccupazione parziale normalmente non possono assumere personale supplementare. Le autorità federali hanno così deciso di accordare un'eccezione, che entrerà in vigore nel mese di giugno, per quanto concerne gli apprendisti.

La situazione sul mercato dell’apprendistato non è la stessa in tutte le regioni del paese. Nella Svizzera tedesca, i contratti di tirocinio firmati a fine aprile erano praticamente in linea con quelli dello scorso anno. La situazione è invece più tesa nella Svizzera latina ad immagine dell’Arco lemanico, dove soltanto il 40% dei contratti sono stati conclusi rispetto al 2019.

Il consigliere federale ha precisato che queste differenze sono dovute anche al fatto che i contratti di apprendistato sono stati conclusi più presto nella Svizzera tedesca, ed erano quindi stati firmati prima della crisi. Lo Stato fornisce inoltre un sostegno finanziario per i giovani che non trovano un posto. “I posti di tirocinio non sono direttamente sovvenzionati, ma sosteniamo i progetti dei cantoni e delle organizzazioni economiche che incoraggiano l’apprendistato”, ha spiegato ancora Parmelin.

Uno studio delle università di Berna e Zurigo è giunto alla conclusione che a causa della crisi del coronavirus, nei prossimi cinque anni saranno firmati tra 5’000 e 20’000 contratti di tirocinio in meno.

ATS/EBe
Condividi