Valdis Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione europea
Valdis Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione europea (©Keystone)

Borsa svizzera: l'UE non demorde

Per Bruxelles l'equivalenza è legata all'accordo quadro con Berna: confermato il riconoscimento per un solo anno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il riconoscimento dell'equivalenza della borsa svizzera da parte dell'UE è legata all'accordo quadro istituzionale fra Berna e Bruxelles: lo ha confermato il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis. "Proponiamo un'equivalenza limitata sino alla fine del 2018. Questo a causa di progressi non sufficientemente sostanziali nell'accordo quadro istituzionale", ha dichiarato durante una conferenza stampa di mercoledì.

Il Consiglio federale ha preso atto. "Si tratta tuttavia di una questione tecnica che non va politicizzata", ha sostenuto il portavoce del Governo, André Simonazzi.

"La Svizzera ha tutti i criteri per ricevere il riconoscimento", ha aggiunto il portavoce. Se l'UE dovesse confermare le intenzioni di limitare tutto ad un anno, la Confederazione valuterà interventi con misure adeguate. Quali mosse potrebbero arrivare da Berna verrà però solo svelato quando si avranno conferme ufficiali di Bruxelles, ha precisato.

Nel caso di passi avanti sufficienti il riconoscimento, che permetterà alla borsa elvetica di essere attiva sui mercati dell'UE a partire dal prossimo 3 di gennaio, data in cui Bruxelles cambierà le norme sulle piazze finanziarie interne, potrà però essere prolungato.

ATS/MABO

UE, niente accordo, niente borsa

UE, niente accordo, niente borsa

TG 20 di mercoledì 20.12.2017

(notizia citata nel notiziario delle 16.00)

Condividi