La stampa è lapidaria
La stampa è lapidaria (keystone)

Burkhalter, politico "timido"

La stampa d'oltre San Gottardo severa con il consigliere federale dopo l'annuncio del ritiro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Didier chi?", è il Blick a porsi la domanda retorica che riassume in due parole il sentimento di scetticismo dei media dopo l'annuncio di mercoledì del ritiro di Burkhalter. L'impressione, condivisa dalla stampa d'oltre San Gottardo è che il consigliere federale non sia mai davvero riuscito a entrare nel suo ruolo: "È difficile rendere giustizia a quello che è stato forse il consigliere federale meno conosciuto degli ultimi decenni", scrive il Tages-Anzeiger, definendolo "tecnocratico" e "poco presente in pubblico". La "tangibile mancanza di un orientamento preciso del Governo nella politica europea è da attribuire in gran parte alle debolezze nella guida del ministro degli Esteri", precisa ancora il Tages-Anzeiger. Tutti concordi però anche nel definirlo "un uomo al servizio della collettività, che ha fatto un buon lavoro di squadra".

"Un politico di professione, ma ciononostante il neocastellano non è mai stato un politico dalla testa ai piedi", sostiene il Bund. "Sul panorama internazionale Burkhalter ha fatto un buon lavoro, ma non è riuscito a spiegare la politica estera all'interno del suo paese", fa eco il Blick.

La Basler Zeitung parla invece di "un uomo di Stato timido e di un'altra epoca (rispetto all'era di Donald Trump): gentile, delicato, intelligente e sensibile, dai toni mai esagerati, ma - forse - un po' troppo sommessi".

"Nessuno verserà delle lacrime", conclude lapidaria la Berner Zeitung.

ATS/RedMM

Dal TG20:

Le tappe del dopo-Burkhalter

Le tappe del dopo-Burkhalter

TG 20 di giovedì 15.06.2017

Dal TG12.30

Dimissioni di Burkhalter sulla stampa

Dimissioni di Burkhalter sulla stampa

TG 12:30 di giovedì 15.06.2017

Dal TG20:

La biografia politica di Burkhalter

La biografia politica di Burkhalter

TG 20 di mercoledì 14.06.2017

Condividi