Il Ticino è stato il primo cantone a vietare di dissimulare il volto negli spazi pubblici
Il Ticino è stato il primo cantone a vietare di dissimulare il volto negli spazi pubblici (keystone)

Burqa, sempre più contrari

Il divieto di coprire il volto nei luoghi aperti al pubblico potrebbe diventare valido in tutta la Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Svizzera potrebbe essere introdotto a livello costituzionale il divieto di indossare il burqa e il niqab negli spazi pubblici. È quanto emerge da un'iniziativa parlamentare di Walter Wobmann (UDC/SO) approvata dalla Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale (CIP-N). Il dossier passerà ora nelle mani dell'omologa Commissione degli Stati.

Il Ticino, ricordiamo, è stato il primo cantone svizzero ad aver adottato, nel 2013, una misura del genere e, lo scorso marzo, la modifica costituzionale ticinese ha ricevuto la garanzia federale. L'ordinamento proposto da Wobmann si ispira a una legge francese che la Corte europea dei diritti dell'uomo ha ritenuto compatibile con la convenzione che regola la materia a livello continentale.

La CIP-N è convinta che l'introduzione di un simile provvedimento a livello nazionale contribuirebbe a tutelare la sicurezza pubblica e ha aggiunto che "uno dei tratti fondamentali della cultura europea è proprio quello di presentarsi nella società a viso scoperto"

ATS/CaL

 

Condividi