(keystone)

COP27, la Svizzera si difende dalle critiche

Il New York Times ha criticato la politica climatica svizzera, considerata “poco ambiziosa” – Il capo delegazione Perren: “Obbiettivi solidi e superiori al minimo richiesto”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il capo della delegazione svizzera alla COP27 di Sharm el-Sheikh, Franz Perrez, difende la politica climatica della Svizzera, criticata questa settimana dal New York Times. "I nostri obiettivi sono solidi", ha dichiarato giovedì in un’intervista a Le Temps.

"Siamo stati ripresi su tre cose", spiega l'alto funzionario. In primo luogo, gli obiettivi della Svizzera sono considerati non sufficientemente ambiziosi. "È purtroppo il caso della maggior parte dei Paesi, è una critica generale" risponde Franz Perrez, che considera gli obiettivi della Svizzera "robusti" e superiori al minimo richiesto dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC).

 

Lo stesso vale per i fondi messi a disposizione dei Paesi in via di sviluppo, che il media d'oltreoceano considera insufficienti. "Sull'obiettivo di 100 miliardi all'anno per finanziare la transizione ecologica dei Paesi più poveri, la Svizzera ha contribuito in modo equo", sostiene l'ambasciatore, "siamo in cima al paniere mondiale".

Il New York Times accusa inoltre la Svizzera di finanziare progetti nei Paesi poveri per raggiungere i propri obiettivi climatici a spese dei Paesi che sostiene. Tuttavia, i progetti finanziati "non sostituiscono le misure adottate in Svizzera", afferma Perrez, "l'impegno che portiamo avanti all'estero va al di là i nostri sforzi nazionali".

“Difficili i progressi alla conferenza”

Ora che la COP27 è iniziata da qualche giorno, l'alto funzionario traccia anche un primo bilancio provvisorio dei lavori in Egitto: "Purtroppo non siamo riusciti a mantenere in agenda l'obiettivo di contenere l'aumento della temperatura a 1,5 gradi entro la fine del secolo", ha dichiarato.

SEIDISERA del 08.11.2022: COP, obiettivi sempre più lontani
SEIDISERA del 08.11.2022: COP, obiettivi sempre più lontani
 

"Sarà difficile fare progressi, ma tutti stanno negoziando", ha aggiunto. Secondo Perrez è probabile che le tensioni sorgeranno verso la fine della settimana, quando sarà il momento delle decisioni.

Il Faro: c'è un brutto clima

Il Faro: c'è un brutto clima

TG 20 di martedì 08.11.2022

Ignazio Cassis alla COP27

Ignazio Cassis alla COP27

TG 20 di lunedì 07.11.2022

 
ATS/dielle
Condividi