Il procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber
Il procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber (Keystone)

Duro colpo alla 'Ndrangheta

Arrestate 16 persone nel quadro di un'operazione antimafia tra autorità italiane e svizzere

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le autorità svizzere e italiane hanno arrestato lunedì sedici persone, tra cui due cittadini elvetici, nel quadro di un’operazione congiunta contro la ‘Ndrangheta, la mafia calabrese. I fermi sono stati compiuti in Italia, mentre in Svizzera l’inchiesta continua e al momento non ci sono notizie in merito a eventuali arresti anche in territorio elvetico.

Il Ministero pubblico della Confederazione ha tuttavia dichiarato che si aspetta a breve che i colleghi italiani avanzino domande d’estradizione in riferimento agli sviluppi della vicenda. Infatti, il procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber, ha precisato in conferenza stampa che sono tra dieci e venti le persone indagate da parte svizzera.

La maggior parte delle persone tratte in arresto sono di nazionalità italiana e residenti a Frauenfeld, nel canton Turgovia, da tanti anni. Alcuni di loro, del resto, beneficiano della doppia cittadinanza o possiedono il solo passaporto rossocrociato. Sulla base del segreto istruttorio, il Ministero pubblico avrebbe evitato d’informare la stampa, cosa però che hanno fatto i colleghi italiani – tanto che i carabinieri hanno fornito ai media un filmato di una presunta riunione della cellula turgoviese della ‘Ndrangheta. Lauber si è mostrato assai irritato dalle rivelazioni, in parte sbagliate, diffuse nella vicina Penisola.

Red. MM/ATS/AGI/EnCa

 

Condividi