Il prodotto è andato a ruba nelle farmacie
Il prodotto è andato a ruba nelle farmacie (keystone)

Echinacea, Swissmedic apre indagine

L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici valuterà se c'è stata pubblicità ingannevole riguardo agli effetti sul Covid-19

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Swissmedic ha aperto un'indagine dopo la diffusione della notizia secondo cui l'Echinaforce, prodotto dalla turgoviese A. Vogel AG di Roggwil, sarebbe un rimedio efficace contro il nuovo coronavirus. L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici valuterà se il prodotto è stato oggetto di pubblicità vietata al pubblico: la promozione può essere fatta solo nell'ambito di domande approvate dall'agenzia di regolamentazione, ricorda.

Nei giorni scorsi, il Blick e altre testate hanno riferito dei risultati positivi di alcuni test in vitro effettuati nel laboratorio di Spiez, che proverebbero come l'Echinaforce sia in grado di inattivare i virus Sars-CoV-2. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista inglese Virology Journal. Dopo la diffusione di questi risultati, il prodotto è andato a ruba nelle farmacie e sono comparse delle offerte illegali online con un rincaro del prezzo.

"Per mancanza di studi sull’esatto effetto degli estratti di echinacea sull’uomo e quindi per motivi di sicurezza dei pazienti, la promozione dell’uso di Echinaforce contro i virus corona non è consentita. - sottolinea Swissmedic - Tale promozione è considerata ingannevole per i consumatori, poiché li porta a credere nell’efficacia sull’uomo, suscitando potenzialmente un falso sentimento di sicurezza".

 

"La pubblicazione dei risultati dello studio ha portato a un’interpretazione in parte errata. - dichiara ancora l'Istituto - Le analisi in laboratorio sono state condotte con colture cellulari (in vitro) e finora non ci sono studi che dimostrino l’efficacia contro il nuovo coronavirus anche nell’uomo (vale a dire in vivo)".

Sulla questione, anche Alessandro Ceschi, direttore dell'Istituto farmacologico della Svizzera italiana, aveva raccomandato prudenza. "È uno studio preliminare e fra gli autori ci sono anche collaboratori della ditta che produce il medicamento: bisognerà fare un’attenta valutazione dell’effettiva validità di questi risultati”, aveva sottolineato ai microfoni della RSI, precisando comunque che si trattava di risultati "promettenti".

Il prodotto, finora, è stato venduto per il rafforzamento del sistema immunitario e la prevenzione del raffreddore. Gli effetti terapeutici dell'echinacea sulle patologie respiratorie sono oggetto di interesse da parte della comunità scientifica, anche se non tutti i pareri sono concordi circa la sua efficacia.

La questione Echinacea

La questione Echinacea

TG di giovedì 17.09.2020

 
ATS/eb
Condividi