Funambolo a processo

Freddy Nock accusato del tentato omicidio della moglie e altre violenze coniugali. L'accusa chiede 7 anni e mezzo, la difesa l'assoluzione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Freddy Nock rischia 7 anni e mezzo di carcere: il funambolo, capace di camminare per 347 metri su un cavo fra due vette grigionesi, è sotto processo da mercoledì mattina a Zofingen, nel canton Argovia, accusato del tentato omicidio della moglie e di altre violenze coniugali, risalenti al 2008, 2013 e 2014.

Secondo il ministero pubblico, il 55enne aveva in particolare tentato di soffocare la donna, di 11 anni più giovane, premendole un cuscino sul viso. Lei era sopravvissuta fingendosi morta, lui l'aveva "punita" a pugni. In altre occasioni le avrebbe sbattuto la testa contro il muro e l'avrebbe sollevata al di sopra della balaustra della rampa delle scale, minacciando di lasciarla cadere.

La coppia, separata dal 2017, è in attesa di divorzio e in lite per l'affidamento del figlio. Mentre la presunta vittima ha testimoniato in aula, l'imputato ha preferito tacere. Per la difesa, in assenza di prove, va assolto.

Durante l'inchiesta, Nock aveva dichiarato di essere stato a sua volta picchiato dalla moglie, quando questa aveva bevuto.

ATS/pon
Condividi