Bradley Birkenfeld nel 2010
Bradley Birkenfeld nel 2010 (keystone)

Il banchiere di Lucifero

L'intervista a Bradley Birkenfeld, ex impiegato di UBS, considerato da molti colui che ha ucciso il segreto bancario svizzero

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La storia di Birkenfeld inizia nel 2007, quando il 51enne ex impiegato di UBS rivela alle autorità statunitensi come la banca avesse aiutato migliaia di contribuenti ad evadere il fisco americano. Per il suo ruolo, Birkenfeld fu condannato a 40 mesi di carcere, ma venne scarcerato prima e gli venne versato un compenso di 104 milioni di dollari.

Il “banchiere di Lucifero” è il titolo del suo libro pubblicato di recente. Le sue rivelazioni misero in moto  una serie di azioni che portarono non solo UBS ma molte altre banche svizzere a dover rendere conto dell’aiuto dato all’evasione fiscale.

Brikenfeld nelle scorse settimane era a Londra in occasione dell’Offshore Alert, una conferenza annuale che raduna operatori della finanza e autorità per discutere di lotta all’evasione. Durante l’incontro ha dichiarato che “il problema è che parte della dirigenza della finanza svizzera non dovrebbe essere dove è" (ascolta il servizio completo alla fine dell'articolo). La frase è riferita al fatto che la Svizzera secondo lui deve cambiare mentalità ed essere riconosciuta come un paese trasparente.

Ma anche gli Stati Uniti hanno molta strada da fare “Il sistema bancario americano è disastroso e ipocrita” dice sottolineando come ci sia un’enorme quantità di capitali riciclata sotto la bandiera a stelle e strisce.

Marzio Minoli

Condividi