I rappresentanti elvetici avevano avanzato questa idea già un anno fa ma la reazione era stata fredda
I rappresentanti elvetici avevano avanzato questa idea già un anno fa ma la reazione era stata fredda (Reuters)

Il piano svizzero per la Brexit

Alcuni politici confederati vorrebbero far aderire la Gran Bretagna all'Associazione europea di libero scambio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Esiste un piano svizzero per riportare la Gran Bretagna nell'Associazione europea di libero scambio (AELS), di cui fa parte anche la Svizzera. È quanto promuoveranno alcuni politici elvetici che si recheranno ad inizio ottobre a Londra.

L'idea di fondo sarebbe di far aderire il Regno Unito all'AELS, che comprende attualmente Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein. L'adesione dovrebbe durare almeno sino a quando fra Londra e Bruxelles non sarà concordata un'intesa sulla Brexit.

I rappresentanti elvetici avevano avanzato questa idea già un anno fa ma la reazione era stata fredda. Secondo il consigliere nazionale Hans-Peter Portmann, presidente della Delegazione AELS/UE dell'Assemblea federale, sembra invece mostrare maggiore interesse il nuovo Governo di Boris Johnson. Esecutivo che deve affrontare aspre critiche per la decisione di sospendere i lavori parlamentari.

 

Nella capitale britannica, già all'inizio di settembre, è atteso anche Guy Parmelin: incontrerà la nuova ministra del commercio Elizabeth Truss con la quale discuterà di questo tema.

Un'eventuale adesione del Regno Unito sarebbe una notizia positiva per la Svizzera, come sostiene Elisabeth Schneider-Schneiter, presidente della Commissione della politica estera del Nazionale.

ATS/AnP
Condividi