Integrati allievi transgender e non binari

Vaud è il primo cantone in Svizzera a prevedere un sostegno scolastico per alunni che non si sentono né femmine né maschi - Una guida basata sull'autodeterminazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il canton di Vaud ha deciso di affrontare la questione riguardante il sostegno scolastico per gli alunni transgender e non binari. Le autorità hanno deciso di diffondere una guida pratica per fornire un ambiente di studio sicuro. Ma non solo. Hanno anche pubblicato una direttiva per gli istituti che si basa principalmente sull'autodeterminazione degli allievi. Qualsiasi richiesta da parte loro dovrebbe essere presa in considerazione e accompagnata. Si tratta di un passo senza precedenti in Svizzera.

Tutti gli insegnanti dovranno rispettare la richiesta di un bambino che, per esempio, desidera essere chiamato con un nome che non corrisponde al sesso assegnatogli alla nascita, o che chiede che venga usato un altro pronome, indipendentemente da una mutazione registrata all'Ufficio di stato civile. Inoltre, questi cambiamenti dovranno essere riportati in tutti i documenti della scuola, come i registri delle classi o nelle banche dati. Ma andranno presi in considerazione anche questioni più delicate, come quella riguardante la scelta degli spogliatoi durante le lezioni di ginnastica. Per esempio, se un ragazzo transgender volesse usare gli spogliatoi dei ragazzi, la scuola dovrebbe lavorare con l'alunno per trovare la soluzione più appropriata.

Attenzione viene prestata anche agli studenti che sono in transizione o in dubbio. Saranno accompagnati da professionisti formati dalla fondazione Agnodice, specializzata in questioni di genere. "Ogni situazione sarà valutata caso per caso", ha spiegato a RTS Caroline Dayer, delegata per l'omofobia e la transfobia del Dipartimento formazione, gioventù e cultura.

"Se questi studenti non sono accompagnati, il rischio di autolesionismo è molto alto. Ci sono molti tentativi di suicidio quando la persona non si sente capita", ha sottolineato da parte sua Cesla Amarelle, la consigliera di Stato socialista responsabile dell'educazione e della la gioventù del canton Vaud, chiarendo uno dei motivi che ha indotto il cantone a darsi da fare in materia. Durante la presentazione della direttiva ha chiarito: "La scuola deve essere un luogo sicuro e accogliente".

Non ci sono cifre precise sul numero di alunni vodesi che potranno beneficiare della direttiva. Studi internazionali suggeriscono che in media ci sono tra l'1,2 e il 2,7% di persone con disforia di genere o che si considerano non binari. "Nella quotidianità le richieste degli studenti su questi temi sono ricorrenti. Dall'inizio dell'anno scolastico, non c'è una sola scuola in cui io sia stata in cui non si stia vivendo una situazione concreta", ha affermato Caroline Dayer secondo cui la novità è un'altra. "Ciò che è nuovo non sono gli studenti trans o non-binari. La novità è che questi studenti hanno il coraggio di parlare di più a scuola. Il che è una grande notizia".

Diem/TG
Condividi