Via Nassa a Lugano
Via Nassa a Lugano (Ti-Press)

La strage dei negozi

Negli ultimi 10 anni la Svizzera ha perso 2'800 commerci. Il Ticino in controtendenza (+252)

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il commercio al dettaglio - online escluso - è in fase di contrazione in Svizzera: in 10 anni sono stati chiusi 31'400 negozi e ne sono stati aperti 28'600 con una flessione di 2'800 unità. Lo rivela uno studio di CRIF, società attiva nel campo dei controlli di solvibilità.

A livello nazionale gli anni fra il 2009 e il 2015 hanno registrato un calo netto di punti vendita: nel 2016 vi è stata invece una ripresa, confermata anche nel 2017 e nel 2018. Ma quest'anno si è registrato nuovamente un forte divario fra chiusure (2'900) e aperture (2'300) di attività.

Il maggior numero di chiusure è stato osservato per i negozi di abbigliamento (2'000), le edicole (1'700), i generi alimentari (1'400), le apparecchiature informatiche (1'400), gli articoli sportivi (1'100) e fiori e piante (1'000).

CCL obbligatorio per la vendita

CCL obbligatorio per la vendita

Il Quotidiano di lunedì 09.12.2019

 

Il Ticino - che dal 1 di gennaio, grazie alla nuova legge, avrà mezz'ora in più di apertura serale - è in controtendenza. E vi si osserva la maggiore progressione netta, con 1'418 cessazioni e 1'670 fondazioni di attività (+252).

ats/joe.p.

Condividi