Palazzo federale a Berna (Keystone)

Le nuove Camere al lavoro

Via alla 51esima legislatura, con un Parlamento profondamente rinnovato. I consumatori chiedono più tutele contro l'obsolescenza programmata

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Incomincia lunedì pomeriggio, la sessione invernale delle Camere federali, la prima della 51esima legislatura, con un Parlamento profondamente rinnovato che ha visto crescere il numero di donne e di esponenti ecologisti. Nel primo pomeriggio vi sarà l'insediamento, seguito dall'elezione dei nuovi presidenti del Consiglio nazionale (a Marina Carobbio dovrebbe succedere Isabelle Moret) e del Consiglio degli Stati (Hans Stöckli).

Il momento più atteso della sessione lo si vivrà il prossimo 11 dicembre, quando l'Assemblea federale dovrà eleggere il nuovo Consiglio federale. Tutti e sette i suoi membri si ripresentano per un nuovo mandato quadriennale, ma i Verdi, forti del risultato ottenuto il 20 ottobre e ai ballottaggi, rivendicano un seggio in Governo.

I rappresentanti ecologisti vogliono sfruttare l'ondata ambientalista per modificare la politica climatica, ma anche per fare in modo che nell'agenda politica tornino a figurare i dossier legati alla tutela dei consumatori già sottoposti al Parlamento. Le associazioni svizzere dei consumatori in questo frangente intendono in particolare rilanciare le richieste riguardanti l'ottimizzazione della vita dei prodotti, l'allungamento della garanzia e la maggiore trasparenza sulla durata effettiva di un oggetto.

Negli scorsi anni, in Parlamento, sono state inoltrate numerose istanze rimaste insolute perché non trattate nei termini utili. Il Governo ha già elaborato, però, due rapporti sulla cosiddetta "economia verde" che contemplano alcuni aspetti in questo campo, anche dal punto di vista dell’impatto ambientale.

"Il nuovo Parlamento è forse un po’ più progressista e questo ci permette di poter far passare certi messaggi", ha spiegato alla RSI, giustificando il rilancio di queste tematiche Evelyne Battaglia-Richi, presidente dell'Associazione delle consumatrici e dei consumatori della Svizzera italiana.

"Occorre trovare un equilibrio. È vero che la tecnologia ha una grande velocità di sviluppo e la necessità di adeguarsi ma se pensiamo agli elettrodomestici" – ha continuato Evelyne Battaglia-Richi – "le garanzie devono essere allineate allo standard europeo".

Le donne del nuovo parlamento

Le donne del nuovo parlamento

TG 20 di lunedì 02.12.2019

 
Iniziata la 51ma legislatura

Iniziata la 51ma legislatura

TG 20 di lunedì 02.12.2019

 
ATS/RG/AnP
Condividi