Legno tropicale fatto in casa

Una società svizzera produce alternative ecosostenibili al legname protetto

Tavole d'acero o di quercia dure e resistenti come l'ebano. Legno elvetico lavorato in modo da assumere le stesse caratteristiche acustiche di quello tropicale. Una sfida resa possibile da un'enorme pressa sviluppata dalla Swiss Wood Solutions, startup nata in seno al Politecnico di Zurigo e al Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (EMPA) nel 2016.

"È cominciato tutto quando i liutai ci hanno raccontato che avevano sempre più difficoltà a trovare legno tropicale per i loro strumenti e ci hanno chiesto un'alternativa", ha raccontato a SRF il direttore della società, Oliver Kläuser che ha sviluppato due prodotti: il Sonowood e il Bijouwood.

Un'alternativa ecosostenibile, perché permette di evitare l'importazione di legname protetto dalla Convenzione di Washington proveniente da fonti dubbie, ed è a chilometro zero. Le tavole svizzere, dopo una lunga preparazione, vengono pressate per diverse ore, fino a diventare più sottili, dure e resistenti, assumendo insomma le caratteristiche del legno tropicale.

thp
Condividi