Doris Leuthard, ex consigliera federale (Keystone)

Leuthard impegnata nel digitale

L'ex consigliera federale guiderà la nuova fondazione per la promozione degli standard etici nel mondo basato sulle informazioni numeriche

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ginevra ospiterà la sede di una nuova fondazione per la promozione degli standard etici nel mondo digitale. A presiedere il consiglio dell'organismo che gestirà l'Iniziativa digitale svizzera (SDI) sarà l'ex consigliera federale Doris Leuthard.

Lancio al WEF 2020

La SDI sarà lanciata formalmente durante il WEF 2020, ha detto Mark Walder, fondatore dell'associazione digitalswitzerland, promotrice della Giornata digitale (sul sito è disponibile il programma completo). La terza edizione si svolge mercoledì in tutta la Svizzera (l'inaugurazione ufficiale si tiene a Berna alla presenza del presidente della Confederazione Ueli Maurer). Posta sotto il motto "Condividere un'esperienza digitale", con circa 300 eventi gratuiti invita a scoprire tutto quanto ruota attorno al mondo basato sull'elaborazione di informazioni numeriche: dalle potenzialità dell'intelligenza artificiale alle nuove applicazioni nei più svariati campi, dalla gestione del cambiamento alle preoccupazioni etiche di cui, per esempio, parlerà a Lugano Francesco Morace (alle 20.30 al Living Lab).

Swiss Global Digital Summit

Un primo passo in vista della nascita di SDI è stato compiuto martedì in occasione del primo Swiss Global Digital Summit, che ha riunito una ventina di rappresentanti dell'economia mondiale e del mondo accademico nella città di Calvino. I partecipanti, tra cui Brad Smith, presidente di Microsoft, e Tidjane Thiam, amministratore di Credit Suisse, si sono impegnati a promuovere la definizione di standard etici nel mondo digitale. Un documento, elaborato sulla base dei contributi di un gruppo autonomo di esperti delle università svizzere, mira a una digitalizzazione al servizio degli esseri umani.

Standard da creare e da applicare

L'iniziativa, ha spiegato Doris Leuthard, non riguarda solo la creazione di standard, ma anche la loro applicazione. Secondo l'ex consigliera federale, "l'obiettivo comune è quello di "promuovere in modo credibile l'enorme potenziale delle tecnologie digitali affinché tutti ne possano beneficiare". I cittadini devono potersi fidare di queste nuove tecnologie, da qui l'importanza di regole chiare, ha sottolineato Doris Leuthard.

Diem/ATS
Condividi