Più emissioni di CO2 dalle auto nuove nonostante motori
Più emissioni di CO2 dalle auto nuove nonostante motori "verdi" come quelli di VW Arteon (VW Media)

Limiti di CO2 non rispettati

Le auto importate in Svizzera non sono conformi alle norme sulle emissioni di CO2 ma ci sono vari motivi all'origine di tale situazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le nuove vetture importate in Svizzera non rispettano le norme sulle emissioni di CO2, con valori che, secondo un rapporto pubblicato martedì dal Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni, sono cresciuti nel 2017 e nel 2018. Le normative introdotte nel 2012 obbligano gli importatori svizzeri a limitare le emissioni a una media di 130 g di CO2/km, come avviene nell'Unione Europea.

Tale valore è stato vincolante per tutte le nuove vetture dal 2015 fino a fine 2019. Dal 1° gennaio 2020 il valore è stato ridotto a 95 g di CO2/km. Tra il 2015 e il 2019 l’obiettivo è stato superato ogni anno e quasi la metà degli importatori ha mancato gli obiettivi nel 2019. Il divario era minimo per la maggior parte di loro, ma significativo in alcuni casi. L'importo complessivo delle sanzioni inflitte ammonta a 31,7 milioni di franchi, rispetto ai 12,6 milioni del 2015.

L'aumento delle emissioni può essere spiegato, in particolare, da una percentuale crescente di veicoli 4x4 e SUV (la quota di quelli a trazione integrale è cresciuta dal 24,9% del 2006 al 49,1% nel 2019) e dall'aumento del peso a vuoto medio delle vetture e anche la diminuzione della quota di veicoli a gasolio ha contribuito a questi risultati. I trasporti sono responsabili di quasi un terzo delle emissioni di CO2 nella Confederazione, mentre le vetture lo sono per i restanti due terzi circa.

ATS/EnCa
Condividi