Linea del Sempione da potenziare

Firmato un accordo tra Berna e Roma per permettere ai treni di viaggiare da Rotterdam a Genova senza interruzioni. La Svizzera contribuirà con 148 milioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un corridoio ferroviario da quattro metri lungo la linea del Sempione: è questo l'impegno contenuto nell'accordo firmato giovedì a Locarno dalla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e dalla ministra dei trasporti italiana Paola De Micheli.

 

Con questa intesa, l'Italia si impegna ad ampliare la linea ferroviaria entro il 2028 in modo che i semirimorchi con un'altezza di 4 metri possano viaggiare su rotaia da Rotterdam a Genova senza interruzioni.

La Svizzera contribuirà con 148 milioni di franchi al progetto, mentre il resto dei costi sarà coperto da parte italiana.

Dal canto suo, la ministra De Micheli in un post su Facebook ha dichiarato che "l'Accordo bilaterale Italia-Svizzera (...) permetterà al porto di Genova di essere collegato con tutto il resto d'Europa con mezzi più capienti e tempi di percorrenza più competitivi".

 

"Traffico ferroviario da promuovere"

L'accordo è stato firmato alla vigilia dell'inaugurazione della galleria di base del Ceneri e della celebrazione del completamento di Alptransit: Sommaruga ha tenuto un incontro, a Locarno, con delegazioni dei Paesi vicini, "durante il quale i presenti hanno concordato di continuare a incentivare il traffico merci e viaggiatori internazionale su rotaia, impegnandosi altresì a puntare sui treni notturni quale alternativa all'aereo", si legge in un comunicato del Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC).

Verso Ceneri 2020

Verso Ceneri 2020

Il Quotidiano di mercoledì 02.09.2020

"Le distanze si accorciano"

Nella puntata di domani 4 settembre, il nostro programma di approfondimento radiofonico Modem proporrà una lunga intervista alla presidente della confederazione e ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga. Si parlerà chiaramente di Alptransit Ceneri, di trasporti in generale, tra quello che è stato fatto e quello che resta da fare. Con la Consigliera federale, Roberto Porta, ha inoltre tematizzato il suo anno presidenziale marcato pesantemente dal Covid-19.

ATS/sf
Condividi