La commissione era rappresentata da Greta Gysin e Andri Silberschmidt
La commissione era rappresentata da Greta Gysin e Andri Silberschmidt (keystone)

Lobbisti, silurato il progetto

Il Nazionale dice "no" per la seconda e definitiva volta a un progetto che chiedeva più trasparenza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un progetto andato ben oltre le intenzioni del suo propugnatore, l'ex "senatore" Didier Berberat (PS/NE). Questa la motivazione espressa nelle parole di Marco Romano (PPD/TI), che ha spinto venerdì una maggioranza del Consiglio nazionale a respingere la proposta di più trasparenza nelle attività dei lobbisti.

I lobbisti di Palazzo Federale

I lobbisti di Palazzo Federale

Il Quotidiano di giovedì 28.03.2019

 

Dal momento che il progetto, elaborato dal Consiglio degli Stati, è stato respinto per la seconda volta durante il voto sul complesso, il dossier è liquidato dopo quattro anni di lavori, come ha tra l'altro ricordato la presidente del Nazionale, Isabelle Moret (PLR/VD).

Attualmente, i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, siano essi collaboratori personali oppure rappresentanti di gruppi di interesse. Berberat auspicava, in cambio di una carta d'accesso a Palazzo, la creazione di un registro pubblico in cui fossero indicati nome del datore di lavoro e mandati. La destra ha sempre criticato il progetto giudicandolo troppo burocratico, mentre la sinistra lo appoggiava, auspicando una maggiore informazione dei cittadini.

Per saperne di più:

 
ATS/pon
Condividi