"La chiusura dei bar alle 19 è tollerabile, quella dei ristoranti no" (Archivio TI-Press)

Misure, la Romandia non ci sta

Friburgo, Vaud, Neuchâtel, Vallese, Giura e Berna: “Deploriamo modalità e ampiezza del dispositivo” – Chieste 4 modifiche e compensazioni finanziarie

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ieri l’annuncio delle nuove misure anticovid poste dal Governo federale in consultazione, oggi la risposta, o forse meglio protesta. I Governi di sei cantoni romandi - Friburgo, Vaud, Neuchâtel, Vallese, Giura e Berna - "non possono accettare" che il Consiglio federale voglia imporre misure per contrastare il coronavirus così restrittive a cantoni che "hanno assunto le proprie responsabilità".

Dopo l'annuncio di ieri del Consiglio federale i sei cantoni "tengono ad esprimere la loro posizione comune sulle ultime misure di lotta contro il coronavirus", si legge in un comunicato congiunto. Essi "sono in disaccordo sull'ampiezza del nuovo dispositivo e deplorano la maniera con cui esso è stato preparato".

Le quattro modifiche richieste

I cantoni chiedono in particolare quattro modifiche alle proposte di Berna. In primo luogo permettere incontri fino a 10 persone nel fine settimana del 19 e 20 dicembre, considerando che numerosi lavoratori mobilitati dalla crisi, soprattutto personale di cura, non potrà festeggiare Natale il 24-25-26 dicembre.

In secondo luogo i cantoni romandi considerano la chiusura dei bar alle 19.00 tollerabile, ma quella dei ristoranti no. Il “fronte comune” non vuole nemmeno misure specifiche supplementari per le domeniche e i giorni festivi. Infine auspicano che i teatri, i cinema e le sale per spettacoli possano accogliere fino a 50 persone.

Le modalità contestate: “Troppa fretta, serve dialogo (e soldi)”

Sul piano istituzionale i cantoni romandi non possono accettare la fretta con cui le misure non differenziate sono state poste in consultazione, senza tener conto degli sforzi già compiuti, si legge ancora nel comunicato. I sei cantoni chiedono "l'instaurazione di un dialogo confederale che permetta una migliore presa in considerazione del parere dei cantoni e una migliore prevedibilità delle potenziali misure."

Eventuali nuove restrizioni decise dalla Confederazione dovranno essere compensate con aiuti finanziari federali importanti ai settori interessati. Ai cantoni che per sei settimane si sono assunti le proprie responsabilità e hanno preso decisioni difficili vanno inoltre accordati aiuti supplementari, esigono i sei cantoni romandi.

I cantoni romandi contro Berna

I cantoni romandi contro Berna

TG 20 di mercoledì 09.12.2020

Le reazioni in Romandia

Le reazioni in Romandia

TG 20 di venerdì 18.12.2020

 
ATS/dielle
Condividi