I presidenti dell'Unione sindacale Pierre-Yves Maillard e quello dell'Unione imprenditori Valentin Vogt hanno visioni opposte
I presidenti dell'Unione sindacale Pierre-Yves Maillard e quello dell'Unione imprenditori Valentin Vogt hanno visioni opposte (Keystone)

"Non ci sarà un forte aumento dei salari"

Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori Valentin Vogt si aspetta un rallentamento dell'economia entro la fine dell'anno e un'inflazione sotto il 2%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori Valentin Vogt, nonostante l'alta inflazione e le richieste dei sindacati, non si aspetta che il prossimo autunno saranno annunciati aumenti salariali generalizzati per il 2023. "Sarà un autunno salariale come tutti gli altri", ha dichiarato in un'intervista pubblicata lunedì dai giornali dell'editore CH Media. "In Svizzera non esiste una compensazione automatica dell'inflazione per i salari, né verso l'alto né verso il basso". Inoltre, fa notare, secondo le stime degli esperti, a causa del rallentamento congiunturale, l'inflazione non supererà il 2% entro la fine dell'anno.

 

Stando al presidente dell'associazione centrale delle organizzazioni dei datori di lavoro che rappresenta oltre 100'000 aziende con oltre 2 milioni di lavoratori in tutti i settori economici, i salari vengono in gran parte negoziati nelle imprese. "Pertanto le aziende che hanno un margine di manovra finanziario aumenteranno i salari, altre non saranno in grado di farlo". Dopo due anni di pandemia di Covid-19, le riserve di alcune società sono prosciugate e devono essere ricostituite.

 

Nelle ultime settimane, i sindacati hanno chiesto aumenti salariali di diversi punti percentuali per compensare la perdita di potere d'acquisto dovuta all'inflazione. All'inizio di giugno, il consigliere federale responsabile dell'economia Guy Parmelin ha sottolineato che le parti sociali hanno un ruolo da svolgere di fronte all'aumento dei prezzi dell'energia dovuto alla guerra in Ucraina, in particolare negoziando gli stipendi.

Valentin Vogt è pessimista sulla situazione economica. Si aspetta un "chiaro rallentamento" entro la fine dell'anno. Il morale delle imprese è crollato e alcune frenano: "Le aziende a volte rifiutano commesse se queste implicano il reclutamento di personale".

KOF: inflazione del 2,6%

Lunedì il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) ha invece comunicato che l'inflazione quest'anno dovrebbe raggiungere il 2,6% (Nella precedente indagine di marzo puntavano ancora a un +2,0%). Il rincaro dovrebbe scendere all'1,7% nel 2023 (+1,1% nelle stime di marzo). Su un orizzonte di cinque anni, le prospettive di inflazione rimangono all'1,1%.

L'inflazione, dovuta principalmente all'impennata dei prezzi dell'energia e delle materie prime agricole, stando al KOF dovrebbe avere un impatto limitato sull'economia svizzera. Secondo le proiezioni degli specialisti intervistati, il PIL salirà del 2,5% quest'anno, un dato invariato rispetto a marzo. Nel 2023 la crescita dovrebbe poi rallentare a un +1,6% (+1,7% previsto a marzo) e attestarsi all'1,4% tra cinque anni.

Anche il mercato del lavoro dovrebbe rimanere in buone condizioni con un tasso di disoccupazione previsto quest'anno al 2,2%, contro il 2,4% di marzo. Nel 2023 dovrebbe rimanere a questo livello.

Diem/ATS
Condividi