Valentin Vogt, presidente dell’Unione svizzera degli imprenditori
Valentin Vogt, presidente dell’Unione svizzera degli imprenditori (keystone)

Salari: "Nessun aumento astronomico"

Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori considera irrealistici gli aumenti salariali richiesti dai sindacati: "Fumo negli occhi"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste di aumenti salariali fatte dai sindacati. "Non vi sarà certamente un blocco degli stipendi, ma non vi saranno neppure aumenti astronomici".

"Quando i sindacati esacerbano le attese affermando che ciascuno otterrà tra il 5 e il 6% di aumenti, gettano fumo negli occhi", ha dichiarato Vogt in un'intervista pubblicata dal domenicale NZZ am Sonntag. In seguito alla pandemia di Covid-19, numerose imprese non hanno le capacità finanziarie per aumenti salariali generalizzati, ha sottolineato. "Gli aumenti degli stipendi si faranno anzitutto individualmente".

Il presidente degli imprenditori respinge al mittente l'accusa di fomentare disordini politici e sociali se le rivendicazioni salariali non saranno soddisfatte. Ciò non ha "nulla a che vedere con la realtà", ha assicurato. A suo avviso inoltre gli effetti dell'aggressione russa all'Ucraina si faranno sentire ancora a lungo. "L'idea che la normalità tornerà una volta terminato il conflitto è improbabile", dice Vogt, il quale si attende un rallentamento economico.

 
ATS/EnCa
Condividi