La consigliera federale Simonetta Sommaruga (keystone)

Sommaruga: "Idroelettrico vallesano è fondamentale"

La consigliera federale: "L'energia idroelettrica è più che mai richiesta nel contesto della dipendenza dal gas russo"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Vallese fornisce metà dell'elettricità prodotta in Svizzera. A questo proposito, la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha dichiarato, nel suo discorso del primo di agosto pronunciato domenica sera a Saas-Balen (VS), che l'energia idroelettrica è più che mai richiesta nel contesto della dipendenza dal gas russo.

Nella sua allocuzione, lei che vive in città e vede molto cemento, ha espresso una certa invidia per le bellezze naturali della Valle di Saas, nell'Alto Vallese. Ma ci sono anche gli aspetti negativi della bellezza naturale: gli abitanti della valle hanno convissuto con pericoli per centinaia di anni. Una cappella a Saas-Balen è stata distrutta due volte dalla caduta di massi. Gli abitanti ricostruirono quindi la chiesa in un luogo protetto dalle valanghe.

Oggi è il riscaldamento globale a far sentire i suoi effetti, ha sottolineato Simonetta Sommaruga, a capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC). Questo minaccia il turismo e quindi la vita economica della valle. "Non possiamo andare avanti così", ha detto. Mentre la Russia chiude i suoi gasdotti, l'acqua è più preziosa che mai.

Una seconda svolta energetica

Tutti si affidano all'energia idroelettrica e quindi al Vallese, ha dichiarato Simonetta Sommaruga, sottolineando che il cantone fornisce la metà dell'elettricità prodotta in Svizzera. Oggi dobbiamo sviluppare energie autoctone come l'eolico, il fotovoltaico e l'idroelettrico con lo stesso spirito pionieristico che ha prevalso in passato.

Il riscaldamento globale è evidente in montagna. Il cambiamento climatico minaccia il turismo e allo stesso tempo il sostentamento dell'intera Valle di Saas. Senza turismo, c'è il rischio di spopolamento.

Non si può continuare come in passato. Come i loro antenati, le persone devono prendere in mano il proprio destino. I canali idrici del Vallese - Suonen in tedesco, bisses in francese - sono una testimonianza di questo approccio.

La Svizzera ha già vissuto una rivoluzione energetica. Cento anni fa, dopo la Prima Guerra mondiale, cessarono le importazioni di carbone dall'estero. I nostri antenati hanno quindi potenziato notevolmente l'energia idroelettrica, liberando la Svizzera dalla dipendenza dal carbone. La generazione attuale deve affrontare un problema analogo. L'obiettivo è trovare la soluzione migliore tenendo conto degli interessi della protezione della natura e dei bisogni dell'economia e della società.

ATS/M. Ang.
Condividi