L'applicazione è gratuita e operativa dal 25 giugno (Keystone)

SwissCovid, l'app che non convince

Il 56%delle persone non intende installarla perché ha dubbi sulla sua utilità e teme una violazione della privacy

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La maggioranza degli svizzeri non è convinta dalla nuova app SwissCovid, studiata per notificare eventuali contatti con persone infette. Il 56% della popolazione non intende installarla sul proprio smartphone, non credendo alla sua utilità e temendo una violazione della propria privacy.

È quanto emerge dal lavoro di Comparis che, tramite un sondaggio realizzato a fine giugno, ha coinvolto 1'000 persone. L'app, il cui download è facoltativo, è stata per ora scaricata oltre un milione di volte.

Il rifiuto maggiore arriva dagli ultrasessantenni. All'interno di questa categoria, il 64% non vuole installare l'applicativo. Scarsa popolarità anche tra i giovani sotto i 30 anni dato che la percentuale di chi non è disposto a utilizzare questo strumento è piuttosto alta (53%).

Nonostante le preoccupazioni legate alla privacy, gli scettici dell'app usano attivamente servizi di messaggistica o social media quali Facebook e Instagram, malgrado ci sia il rischio di venire spiati, sottolineano gli autori del sondaggio. L'86% di chi respinge il download di SwissCovid chatta su WhatsApp almeno una volta alla settimana.

L'applicazione, gratuita e operativa dal 25 giugno, è stata concepita per spezzare le catene di contagio del coronavirus.

App Swisscovid poco amata

App Swisscovid poco amata

TG di martedì 14.07.2020

La situazione resta fragile

La situazione resta fragile

TG di martedì 14.07.2020

 
ATS/AnP
Condividi