Nuovo farmaco contro il Covid

TG 20 di lunedì 25.10.2021

Swissmedic valuta la pillola anti-Covid

Una domanda di omologazione del farmaco antivirale Molnupiravir è stata depositata anche in Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una domanda di omologazione della pillola antivirale Molnupiravir della statunitense Merck è stata depositata anche in Svizzera, lo scorso agosto, ed è in fase di valutazione: lo conferma alla RSI Swissmedic, l’istituto svizzero per gli agenti terapeutici.

Si tratta di un farmaco da assumere in forma orale contro il Covid-19 che, stando all’azienda produttrice, riduce drasticamente le probabilità di sviluppare un decorso grave della malattia tra le persone a rischio che l’hanno contratta.

I risultati dei test non sono però stati finora valutati da esperti indipendenti. “Lo studio è ampio e ha incluso 775 partecipanti in più paesi – spiega ai nostri microfoni Alessandro Ceschi, direttore dell’Istituto scienze farmacologiche EOC –, ha dimostrato un’alta efficacia nelle persone nei primi cinque giorni dallo sviluppo della malattia”.

Una richiesta di omologazione della pillola è già stata depositata presso la FDA statunitense e oggi l’EMA, l’agenzia europea del farmaco, ha avviato la sua revisione accelerata.

Questo farmaco potrebbe rappresentare il passo decisivo e tanto atteso nella lotta al coronavirus? “Sarebbe sicuramente un passo importante, sempre che efficacia e sicurezza vengano confermate", risponde il dr. Ceschi, "perché sarebbe il primo trattamento assumibile per bocca e questo chiaramente agevolerebbe il raggiungimento dei pazienti, che potrebbero essere trattati a domicilio. Inoltre, sembrerebbe efficacie contro tutte le varianti”.

Grazie alla sua facilità d’uso, la pillola potrebbe anche giocare un ruolo importante nei paesi in via di sviluppo, ammesso che i costi del farmaco siano contenuti. Una risposta alle domande di approvazione è attesa non prima di fine novembre.

Telegiornale 20.30/ludoC
Condividi