Il presidente dell’organizzazione Hans Hess
Il presidente dell’organizzazione Hans Hess (keystone)

Swissmem "bacchetta" il Ticino

L'associazione ritiene che la decisione del Governo ticinese di chiudere le industrie vada contro l'operato del Consiglio federale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione del Consiglio di Stato del canton Ticino di chiudere tutte le attività commerciali e produttive private costituisce, secondo l'associazione di categoria dell'industria metalmeccanica ed elettrica Swissmem, un “mancato riconoscimento” della volontà del Consiglio federale.

Il Governo ha infatti stabilito venerdì che l'industria può continuare a operare se sono rispettate tutte le misure precauzionali e protettive emanate in materia dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Nella nota si legge che “saremmo grati se l'industria, che garantisce 700'000 posti di lavoro in Svizzera, potesse esprimersi in merito e sostenere il Consiglio federale nelle sue decisioni”.

La Hamilton produce nei Grigioni attrezzature basilari come i respiratori
La Hamilton produce nei Grigioni attrezzature basilari come i respiratori (Keystone)

Il presidente dell’organizzazione, Hans Hess, in un’intervista a Blick TV ha dichiarato d’altronde di essere “molto soddisfatto da quanto fatto finora” dal Governo federale e ha rticordato che l'attività dell'industria può salvare vite, come nel caso della Hamilton di Bonaduz che produce attrezzature fondamentali come i respiratori.

Le aziende restano chiuse

Le aziende restano chiuse

Il Quotidiano di lunedì 23.03.2020

Visita ticinese a Berna

Visita ticinese a Berna

Il Quotidiano di lunedì 23.03.2020

 
ATS/EnCa
Condividi